advertisement

Guida ai funghi velenosi

Redazione 26 settembre 2016

I funghi velenosi sono causa di intossicazioni ed avvelenamenti. Seguite i nostri consigli per raccogliere e mangiare i funghi in assoluta serenità.

advertisement
Guida ai funghi velenosi

Che cosa potrebbe esserci di meglio di un buon risotto ai funghi porcini ancora fumante? Il risotto è infatti una delle migliori ricette per assaporare i funghi in tutta la loro bontà anche se in realtà nella nostra gastronomia italiana sono presenti molte altre ricette con funghi davvero gustose. Dobbiamo però prestare attenzione ai funghi velenosi se non vogliamo mettere a repentaglio la nostra salute.

LEGGI ANCHE: Tagliatelle ai funghi porcini

I funghi velenosi possono essere davvero molto pericolosi per la nostra salute. Nei casi meno gravi possono comportare solo un’intossicazione, nei casi più gravi invece possono portare addirittura alla morte nel giro di poche ore. Non esiste un registro unitario che ci offra la possibilità di comprendere il numero preciso delle intossicazioni e degli avvelenamenti, si stima però che questo numero sia compreso tra 600 e 1300 ogni anno. Si tratta di un numero davvero molto elevato causato da persone inesperte che ad un tratto decidono di andare a fare funghi nei nostri boschi.

Funghi velenosi: quante specie esistono?

Molte persone credono di riuscire a riconoscere i funghi velenosi anche senza aver frequentato un adeguato corso. Non è così, alcuni di essi sono infatti molto simili ai funghi commestibili e solo coloro che li hanno studiati intensamente possono vedere con una sola occhiata la differenza. Se proprio hai la passione per i funghi e vuoi poterli raccogliere in modo autonomo, iscriviti ad un corso di riconoscimento funghi. Chiedi informazioni alla Asl più vicina a te; le Asl infatti organizzano periodicamente questa tipologia di corsi che sono stati richiesti proprio dallo Stato nella speranza così di riuscire a far diminuire il numero dei morti e delle intossicazioni a causa dei funghi.

[ Vuoi coltivare funghi a casa e in totale sicurezza? Spora è il kit con spugna legnosa per coltivare funghi pioppini a casa, scopri di più! P.s: le spese di spedizione sono gratuite! ]

I funghi porcini velenosi

L’unico fungo che davvero non lascia adito a dubbi è il fungo porcino, infatti non esiste il fungo porcino velenoso ne’ funghi velenosi ad esso simili. Nonostante ciò, nella famiglia dei funghi Boletus, i funghi che assomigliano ai porcini, troviamo comunque delle specie che possono dare intossicazione come ad esempio il Boletus Satanas e il Boletus Calopus che si distinguono molto bene però in quanto il primo ha un gambo rosso acceso e il secondo invece dei pori di colore giallo.

funghi velenosi immagini: boletus-calopus-e-boletus-satanas

I funghi chiodini velenosi

Tra i funghi più diffusi troviamo i funghi chiodini, ottimi per molte tipologie di ricette. Si crede che non esistano delle specie di funghi chiodini velenosi, questo è vero ma è vero anche che esiste una particolare specie di fungo velenoso che è in tutto e per tutto simile al più comune chiodino. Stiamo parlando dell’Hypholoma Fasciculare meglio conosciuto proprio come Falso Chiodino. La caratteristica che può aiutarti a non cadere in inganno è il loro odore che non può certo essere considerato gradevole.

hypholoma-fasciculare

I funghi velenosi mortali

Molte persone credono che il fungo più velenoso sia l’Amanita Muscaria, in realtà questo fungo è allucinogeno e tossico ma non porta necessariamente alla morte.

amanita-muscaria

I funghi velenosi mortali, funghi quindi che non lasciano scampo, sono l’Amanita Phalloides, l’Amanita Virosa, l’Amanita Verna e anche il Cortinarius Orellanus.

funghi-velenosi-mortali

Riconoscere i funghi velenosi tramite un’app

Esiste un’App per ogni nostra esigenza, anche ovviamente per il riconoscimento dei funghi velenosi. Scarica l’applicazione gratuita per Android Edicola Salute, qui troverai i Quaderni del Ministero della Salute con notizie aggiornate, la Relazione sullo Stato Sanitario del Paese e una sezione dedicata agli opuscoli informativi. All’interno di quest’ultima sezione è presente l’opuscolo “I funghi: guida alla prevenzione delle intossicazioni” dove potrai trovare tutte le informazioni di cui hai bisogno e anche le immagini dei funghi velenosi per riconoscerli con maggiore semplicità.

Portare i funghi alla Asl

Se nonostante la tua mancanza di esperienza vuoi comunque provare a fare funghi, non possiamo certo impedirtelo. Se ci tieni alla tua salute però non possiamo che consigliarti di portare i funghi che hai raccolto alla Asl. Proprio a causa dell’aumento del numero delle intossicazioni le Asl hanno infatti deciso di aprire un apposito sportello in cui troverai un esperto micologo pronto a controllare i funghi al tuo posto. Così avrai la certezza di portare sulla tua tavola dei funghi buoni che non faranno male a nessuno. La consulenza con il micologo delle Asl è gratuita.

Scegli il supermercato

La soluzione migliore per mangiare funghi in assoluta tranquillità è ovviamente quella di optare per i funghi presenti nei nostri supermercati. Non c’è, lo sappiamo bene, il gusto di poter dire di averli raccolti personalmente, ma c’è il massimo della sicurezza possibile. I funghi che arrivano nei nostri supermercati sono stati infatti controllati da esperti micologi ed è stata controllata anche l’eventuale presenza di sostanze pericolose che potrebbero essere entrare in contatto con loro come i pesticidi ad esempio. Ricordiamo infatti che i funghi sono delle vere e proprie spugne che assorbono tutto ciò che è nell’aria.

[ Spora è il kit in spugna legnosa per coltivare i funghi a casa: acquistalo a un prezzo speciale! Le spese di spedizione sono gratuite! ]