advertisement

Pignolata

Decorata con i zuccherini colorati che ricordano i coriandoli, la pignolata siciliana al miele è un dolce delizioso che tradizionalmente si gusta adagiato sulle foglie di limone

advertisement
Difficoltà:
Bassa
Cottura:
Preparaz.:
Costo:
Basso
Pignolata

Oggi preparemo la pignolata, un dolce tipico del Meridione d’Italia e in particolare della Calabria (pignolata calabrese) e della Sicilia (pignolata siciliana). Come spesso accade in questi casi, la ricetta originale tende a variare da un posto all’altro, caratterizzandosi di ingredienti che la rendono tipica di una determinata città. È il caso, per esempio, della pignolata di Messina, leggermente diversa da quella al miele perché ricoperta di cioccolato fondente. La pignolata, inoltre, in base alla località, è conosciuta anche con il nome di pignoccata. Rispetto ai “cugini” struffoli napoletani sono più leggeri perchè privi di burro nell’impasto.

Passiamo ora agli ingredienti e alla preparazione di questo delizioso dolce.

Ingredienti per 6 persone

❯ 500 gr di farina

❯ 200 gr di zucchero

❯ 150 gr di miele

❯ 6 tuorli

❯ strutto oppure olio per friggere

❯ zuccherini colorati

❯ scorza grattugiata di un limone

❯ foglie di limone lavate e asciugate

Procedimento

Come preparare l’impasto della pignolata

1. La preparazione dell’impasto della pignolata è molto simile a quella degli altri dolci tipici del Carnevale che abbiamo già avuto modo di preparare. La farina, in particolare, deve essere mescolata con i 6 tuorli, 100 g di zucchero e la scorza di limone grattugiata. Il composto deve essere morbido e nel caso in cui risultasse difficile da lavorare è possibile aggiungervi un po’ di olio d’oliva. Quando la pasta è pronta non è necessario lasciarla riposare: viene tagliata prima in listarelle allungate e poi in tocchettini. Questi ultimi, quindi, vengono lavorati fino a formare delle palline.

pignolata

Le palline d’impasto tipiche della pignolata
(foto: walterricciardi – Flickr.com/photos/27998800@N04)

2. La cottura e la decorazione della pignolata al miele: Quando sono state realizzate tutte le palline è possibile passare alla cottura. In una padella capiente versate l’olio o lo strutto e lasciate che raggiunga la temperatura adatta alla frittura. Con attenzione, versatevi le palline all’interno e fatele cuocere per un paio di minuti (devono assumere una colorazione dorata).

advertisement

3. A questo punto, scolatele e ponetele su qualche strato di carta assorbente in modo da poter eliminare l’olio in eccesso. Utilizzate, quindi, un’altra padella capiente per far sciogliere lo zucchero rimanente con dell’acqua. Quando lo zucchero si è completamente sciolto nell’acqua, aggiungetevi il miele e lasciate cuocere a fuoco moderato fino all’evaporazione di tutta l’acqua.

4. Quando il miele ha raggiunto la giusta densità (non deve essere troppo liquido) versate all’interno della padella le palline che avete precedentemente cotto e mescolate per qualche minuto a fuoco basso. Facendo attenzione, poi, versate il contenuto della padella su un ripiano in marmo o su un vassoio: potete creare delle piccole montagnette o un’unica cupola che decorerete con gli zuccherini colorati.

Qualche consiglio per personalizzare la pignolata

Se volete personalizzare la pignolata al miele, potete versare le palline cotte all’interno del miele caldo insieme a delle scaglie di mandorle tostate in precedenza. Tradizionalmente, inoltre, questo dolce viene servito in porzioni singole adagiate sulle foglie di limone.

Video correlato

advertisement
Dai un voto a questa ricetta
[Totale: 16 Media Voto: 2.8]