advertisement

Pizza con acqua di mare: a Napoli la nuova ricetta

Monica 10 giugno 2015

La pizza con acqua di mare è la novità arrivata direttamente da Napoli. Cerchiamo di capire quali sono i benefici salutari e soprattutto scopriamo di quale acqua marina si tratta.

advertisement
Pizza con acqua di mare: a Napoli la nuova ricetta

L’idea geniale è del pizzaiolo Guglielmo Vuolo il quale ha eliminato l’ingrediente sale dall’impasto della pizza per aggiungere una certa quantità di acqua marina; il famoso pizzaiolo ha dimostrato così che la pizza ottenuta è molto più morbida ed esalta notevolmente il gusto di tutti gli ingredienti.

L’invenzione non è stata rapita: Vuolo ha provato e riprovato con circa cinquemila pizze, sfornate e fatte assaggiare ai propri clienti, prima di ottenere un impasto perfetto eliminando il sale e versando dell’acqua partenopea. Dopo mesi di sperimentazione il capolavoro è nato, e ora nella pizzeria di Eccellenze Campane, a Napoli, si propone, sia a pranzo che a cena, solo pizze realizzate con l’impasto fatto con acqua di mare al posto del sale.

advertisement
Pizza all'acqua di mare - Guglielmo Vuolo

Pizza all’acqua di mare farcita con San Marzano acqua di mare, olive nere, acciughe, capperi, mozzarella di Bufala Campana, basilico – Foto: fanpage ufficiale Guglielmo Vuolo

Come realizzare una pizza con acqua di mare

Le difficoltà sono tante, in primis l’assenza di sodio nell’impasto rallenta la lievitazione della pizza, che deve maturare per almeno 20 ore in un luogo a temperatura ambiente.

Quale acqua di mare utilizzare per la pizza?

Naturalmente l’acqua marina da utilizzare nella pizza non è quella presa con un secchiello lungo le spiagge! Quella utilizzata per la pizza è un prodotto microbiologicamente puro a uso alimentare, realizzato dalla Steralmar di Bisceglie dopo una lunghissima sperimentazione sulla base di un protocollo d’intesa siglato con il Centro Nazionale di Ricerca, il 9 maggio 2012.

Luigi Nicolais, presidente del CNR ha evidenziato che:

Questa ricerca e rivoluzione culturale porterà soprattutto benefici in termini di salute e benessere, attraverso l’assunzione di cibi più sani senza alterarne il gusto; mentre con il sale da cucina c’è solo cloruro di sodio, molto dannoso per la salute.

Foto anteprima: fanpage ufficiale Guglielmo Vuolo