advertisement

Stoccafisso con patate

Il pesce sulle nostre tavole è sempre troppo poco; approfittiamone per preparare lo stoccafisso con patate, un piatto gustoso, soddisfacente e soprattutto economico.

advertisement
Difficoltà:
Bassa
Cottura:
Preparaz.:
Costo:
Medio
Stoccafisso con patate

In questo mondo dove la leggerezza è ormai un dogma della cucina, i pesci sono diventati i capisaldi di qualunque ricettario. Ecco che qui vi proponiamo una ricetta buona quanto genuina: lo stoccafisso con patate, ricetta di pesce molto gustosa, quasi quanto la zuppa di pesce alla napoletana. Vediamo come si prepara.

Ingredienti per 6 persone

❯ 1 kg di stoccafisso già ammollato

❯ 500 gr di patate

❯ 350 gr di pomodorini freschi

❯ 35 gr di uvetta sultanina

❯ 25 gr di pinoli

❯ 100 gr di olive verdi

❯ 2-3 spicchi d'aglio

❯ 3 mestoli di acqua calda

❯ olio extravergine d'oliva

❯ sale q.b.

❯ pepe a piacere

Procedimento

Come preparare un ottimo stoccafisso con patate

1. Mettete a bagno l’uvetta in acqua tiepida, nel frattempo in una casseruola fate appassire 3 spicchi d’aglio, tagliato finemente con 5 cucchiai d’olio;

2. Aggiungete lo stoccafisso, ben pulito e privato di scarti e tagliato a tranci regolari;

3. Lasciatelo rosolare in padella uniformemente a fuoco vivo; dopo circa 10 minuti unite i pomodori privati dei semi e tagliati a spicchietti, i pinoli, l’uvetta sgocciolata, le olive e 3 mestoli di acqua calda;

4. Insaporite lo stocco con patate con un pizzico di pepe e abbassate la fiamma al minimo cuocendo per altri 45 minuti;

5. A questo punto unite nella casseruola le patate che nel frattempo avete sbucciato e tagliato a tocchetti;

6. Completate la cottura per altri 20 minuti circa.

advertisement


7. Quando sarà pronto aggiustate di sale e servite con prezzemolo tritato.

Differenza tra stoccafisso e baccalà

Il realtà si tratta di due prodotti diversi ma simili, infatti entrambi provengono dal merluzzo. La differenza è che lo stoccafisso viene essicato, mentre il baccalà attraversa un processo di salatura (si può parlare di baccalà quando il contenuto di sale assorbito supera 18%) o di salatura e una successiva essiccazione.

Video correlato

advertisement
Dai un voto a questa ricetta
[Totale: 0 Media Voto: 0]