advertisement

Guida ai tipi di pepe

Redazione 18 marzo 2017

Volete dare maggiore sapore ai vostri piatti? Scegliete allora con attenzione il pepe da utilizzare. Andiamo alla scoperta del pepe verde, nero, bianco e rosa.

advertisement
Guida ai tipi di pepe

Avere a disposizione diversi tipi di sale alimentare ci permette di scegliere il condimento perfetto per ogni nostro piatto, proprio come fanno i grandi chef. Quando condiamo le nostre ricette però non ci fermiamo di certo solo al sale, abbiamo bisogno anche del pepe. Scopriamo allora tutte i diversi tipi di pepe che possiamo utilizzare in cucina per dare maggiore sapore ai nostri piatti e renderli semplicemente eccezionali.

Le diverse specie

Crediamo erroneamente che esistano diverse specie di pepe, che quello nero cioè derivi da una pianta del tutto diversa da quella da cui ricaviamo il pepe verde. Non è affatto così, si tratta in realtà della stessa pianta e delle stesse identiche bacche che vengono però raccolte in momenti diversi della loro maturazione. A seconda della maturazione che la bacca ha raggiunto il suo sapore cambia notevolmente. Solo la varietà rosa nasce da una pianta del tutto diversa.

Pepe verde

Le bacche del pepe ancora acerbe hanno un caratteristico colore verde. Queste bacche risultano piuttosto morbide e proprio per questo motivo vengono spesso utilizzate intere nelle ricette, come ad esempio nella preparazione del filetto al pepe verdee possono infatti essere masticati senza alcun tipo di difficoltà. Sono leggermente piccanti e il loro sapore è leggero, fruttato e piuttosto fresco.

[Acquista Pepe verde direttamente su Amazon!]

pepe verde

I grani del pepe verde sono morbidi ed hanno un sapore leggero e fruttato. (Foto: gluticchia.blogspot.com)

Pepe nero

A metà della loro maturazione le bacche assumono un colore rossastro. Queste bacche rosse vengono fatte essiccare sotto ai raggi diretti del sole sino a quando non assumono un colore nero. Il pepe nero è senza dubbio quello più conosciuto ed utilizzato. Il suo sapore è forte, intenso e deciso.

advertisement

[Acquista Pepe nero di ottima qualità e a prezzi interessanti direttamente su Amazon!]

pepe nero

Il pepe nero è quello più conosciuto ed utilizzato. Ha un sapore forte e intenso. (Foto: fruttaseccadisano.it)

Pepe bianco

Le bacche mantengono il loro caratteristico colore rosso anche alla fine della loro maturazione. Le bacche mature vengono lasciate per molte ore in acqua e sale fino a quando la pellicola esterna che le avvolge non cade in modo del tutto naturale lasciando scoperti i grani interni di colore bianco. Il pepe bianco viene poi lasciato ad essiccare al sole. Ha un sapore leggermente più dolce e sicuramente meno intenso rispetto al pepe nero.

[Dai uno sguardo alle numerose offerte su Pepe bianco direttamente su Amazon!]

pee bianco

Il pepe bianco ha un sapore davvero molto leggero e leggermente dolciastro. (Foto: ebay.it)

Pepe rosa

Il pepe rosa è l’unica tipologia di pepe che deriva da una pianta diversa. Nasce infatti dall’albero Schinus molle di origine sudamericana. Il pepe rosa ha un sapore davvero molto delicato e resinoso. Attenzione a non abusarne, le bacche possono infatti essere tossiche. Proprio per questo motivo viene solitamente utilizzato insieme alle altre tipologie di pepe.

[Scopri le offerte su Pepe rosa che Amazon ha riservato per te!]

pepe rosa

Il pepe rosa nasce da una pianta sudamericana. Ha un sapore davvero molto leggero e resinoso. Non bisogno abusarne. (Foto: alimentipedia.it)

Macinato o in grani

Tutte queste tipologie di pepe possono essere acquistate in grani oppure macinate. Diffidate da quello macinato perché perde velocemente aroma. Scegliete allora solo i grani da macinare poi al momento dell’utilizzo.

Non dovete necessariamente utilizzare un solo pepe per le vostre ricette. Potete anche creare dei vostri mix personali in modo da raggiungere il sapore che più preferite. Vi ricordiamo che questo eccezionale ingrediente ha delle ottime proprietà antibatteriche e stimola la digestione, nonostante questo però non è adatto a coloro che soffrono di gastrite o di ulcere perché contribuisce ad irritare il nostro stomaco.